CLASSIC ARMY KC-89 KREBS

CLASSIC ARMY KC-89 KREBS

Questo mese abbiamo scelto una novità di casa CA il KC-89 rielaborato dalla  CREBS CUSTOM ARMY.

la Krebs Custom, Inc., è leader riconosciuto a livello mondiale in  sistema di ricerca, sviluppo, progettazione e ingegneria dei Kalashnikov.

Fornisce tutto ciò che serve per esercito americano e contractor governativi la dove questi utilizzino i Kalashnikov come parte del loro equipagiamento.

La replica si presenta solidissima, pesante e grezza, come da copione per un Ak, ma con la differenza che alcune parti di questo fucile, come il lower receiver, sono in acciaio!! Arriva in una scatola che è meglio dimenticare con un caricatore e uno “sturapallini” a caso.

Le finiture sono a tratti grezze e a tratti molto curate con una serie di trade mark molto belli.

Quando avrete tra le vostre mani questa replica vi renderete conto della sua mole massiccia e non vi spaventate se per qualche motivo dovrete mettere mano a brugole e cacciaviti per regolarne l’assetto l’asse e i vari rail che sono stati aggiunti dalla KREBS.

SEMPRE ENTRO IL J. di potenza le Classic Army sparano molto bene e dritte, basta solo cambiare la molla per evitare di sentire quel fastidioso gong che le contraddistingue.

La raffica è sostenuta e nella norma, il cambio batterie avviene, come per tutti i calci tipo Vultor da M4 posteriormente, con un innovativo e comodissimo sistema  dotato di pulsante a sgancio rapido.

Da segnalare anche il pulsante di scgancio rapido del caricatore sul lato destro della guardia del grilletto.

Per tutti quelli che hanno sempre avuto dei dubbi o delle remore sugli AK questa sarà sicuramente una novità interessante, forse i puristi invece faranno qualche smorfia ma sicuramente aprezzeranno questo nuovo giocattolo.

 


 

Voto finale 7.0

Il fucile è disponibile presso la WEB CARTOLERIA

H.K BERETTA XP4

Eccoci di nuovo di fronte un altra replica degna di nota.

Si tratta della ricercatissima Beretta XP4.

Finalemnte sempre più reperibile sul mercato italiano anche il clone della gemella di casa Marui, arriva in due versioni nera e due colori cromata.

La scatola riporta il logo H.K ma un attenta osservazione, anche in rete, ci fa capire che la WE o l HK px4 sono la stessa cosa.

(Su internet è anche presente un video che mostra una scatola della H.K con ancora attaccato il codice della WE).

Insomma bando a questi dettagli di poco conto, parliamo della replica e delle sue caratteristiche tecniche.

peso 908 g
lunghezza 194.0 mm
Capacità 25 rds
potenza 280.0 fps

Il giocattolo si presenta solido e tutto d’un pezzo, in una scatola semplicissimna, con le sue belle istruzioni e una garanzia per l’eventuale recesso entro 8 giorni.

Nella scatola troviamo anche i dorsalini intercambiabili di ricambio per l’ipugnatura, capaci di adattare il profilo a mani di varie dimensioni, molto utili e innovativi.

Lo sgancio come l’aggancio di questi dorsalini, avviene in maniera molto semplice e veloce.

La pistola spara a Gas e per ora non ci sono caricatori a Co2 ma pare che ci sia l’intenzione di produrli.

Porta 24 colpi nel caricatore, che con una carica di gas, spara senza cali evidenti fino all’ultimo colpo. (è in grado di spararne più di  48). il rinculo è consistente.

L’hop up regolabile è buono e impenna anche pallini da 0.25 permettendo di compiere tragitti molto tesi al pallino.

La precisione entro i 25 m è molto buona, con una stretta rosa di colpi raggiunge tranquillamente 35 m con tiro teso.

Al crono reggistriamo 290 FPS con pallini da 0.20 gr. all’incirca 0.79 j e se usiamo gas più potente come il “diablo” saliamo anche a 310 FPS

Ottimo se consideriamo l’uso che si fa di una pistola nel softair e quindi, non abbiamo bisogno di modifiche per abbassare la potenza, e in cqb siamo liberi di sparare anche a stratta distanza senza paura di fare male o di rompere protezioni.

ma ATTENZIONE non dovrete rinunciare al tiro a distanza!!! come detto prima, si puo sparare tranquillamente anche a distanze superiori i 30 m con precisione ed efficacia.

La replica presenta altre caratteristiche importanti e utili.

Carrello in metallo (adattabile senza modifiche alla gemella Marui) corpo in ABS

Oltre la bellissimo sistema di chiusura geometrica a canna rototraslante, possiamo dire che il sistema di sicurezza delle due sicure è perfetto e gli scatti delle stesse sono consistenti e precisi.

ora parliamo del loro funzionamento pratico:

1) Durante il trasporto la pistola non spara se viene inserito un caricatore vuoto (in altre parole senza colpo in canna) neache armando il cane e rilasciandolo senza bisogno di mettere la sicura. Solo armando con il carrello sarà possibile fare partire il gas.

2) inserendo la sicura a cane alzato il cane verrà automaticamente abbattuto e il grilletto muoverà a vuoto senza far partire gas. Togliendo la sicura essendo a doppia azione otremo riarmare il cane con il grilletto o il pollice e fare fuoco.

Questi accorimenti di sicurezza la fanno diventare subito un atrezzo di un altro livello, utilizzabile in vari contesti come ad esempio per il tiro dinamico sportivo.

E’ ottimamente bilanciata una volta inserito il caricatore e le tacche di mira sostituibili con quelle a fibra ottica sono molto visibili.

Un ottimo rapporto qualità prezzo quindi un 8.5 come voto finale

Questo slideshow richiede JavaScript.

G&P SENTRY MAGPUL INTERNI E CUSTOM

Ricapitolando:

1)G&P SENTRY MAGPUL

2)SOSTITUZIONE TESTA PISTONE CON TESTAPISTONE CUSCINETTATA SNIPER Mk

3)SOSTITUZIONE PISTONE CON PISTONE MADBULL 5 DENTI IN ACCIAIO

4)SOSTITUZIONE GUIDAMOLLA CON GUIDAMOLLA REGOLABILE SNIPER Mk

5) SOSTITUZIONE MOLLA CON MOLLA DA 100 A PASSO VARIABILE DELLA SNIPER Mk.

N.B. SPESA COMPESSIVA PEZZI DI UPGRADE CIRCA 50.00 EURO.

TUTTI GLI ALTRI PEZZI SONO ORIGINALI

RISULTATO: LA REPLICA HA UN ROOF SOSTENUTO INTORNO AI 1007 PALLINI AL MINUTO

L’USCITA CON PALLINI 0.20 A HOP UP  APERTO E GUIDAMOLLA A ZERO è DI 0.92J COSTANTE COME UN OROLOGIO SUCCESSIONE CON LIPO DA 1300  7.4 SU 10 TIRI DI SEGUITO [ 0.92-0.92-0.94-0,92-0.92-0.93-0.92-0.92-0.92.0.93]REGOLANDO IN SEGUITO IL GUIDAMOLLA DI 7 GIRI:

10 TIRI[ 0.98-0.98-0.99-0.96-0.98-0.98-0.98-0.97-0.98-0.98]

SIAMO STATI IMPRESSIONATI DALLA COSTANZA DI TIRO E SOPRATTUTO DALLA PRECISIONE.

IN SEGUITO ABBIAMO ANCORA SOLOSOSTITUITO IL GOMMINO HOP UP CON UN PROMETEUS VIOLA.

INUTILE DIRE CHE LA RESA DEL PROMETEUS è SPETTACOLARE A TUTTE LE TEMPERATURE E LA PRECISIONE IN SAGOMA DA 35 M è IMPRESSIONANTE PARI A UNA ROSATA DI DIAMETRO NON SUP. A  9 CM SU 10 COLPI SPARATI CON MORSA, IN AMBIENTE CHIUSO E UMIDITà PARI A 65% TEMPERATURA 17°C. E PALLINI DA 0.25GR.

OTTIMO ATTREZZO PER TIRO DI PRECISIONE A STRETTA E MEDIA DISTANZA

VOTO FINALE 9.0

G36C CUSTOM TOKYO MARUI SHOCK RECOIL

La TOKYO MARUI esce con una nuova versione dello stragettonato G36 tedesco questa volta con un modello shock recoil.

Il fucile arriva in una scatola veramente ben curata.

La replica è molto bella e ben curata nei dettagli e nella scelta dei materiali. Una chicca notevole è rappresentata dal caricatore trasparente con al suo interno dei colpi dummies 5.56 del tutto veritieri tridimendionali che rendono molto accattivante il tutto.

Il caricatore in dotazione è un monofilare (a noi piacciono molto i monofilari).

Come per tutti i TM il tiro è preciso e la regolazione dell’hop up è molto accurata.

Alla prova il recoil è deciso e piacevole, vi postiamo un video che dimostra la sua forza di rinculo e la effettiva bellezza di questo modello che sarà un must per glio amanti del realismo e del G36. In ultimo da segnalare che insieme al fucile di serie arriva anche un grip con attacco rapido e una guaina di gomma morbida anti scivolo, da aplicare all’impugnatura del fucile.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Recoil Shock 7

Voto finale 8.5

 

G&P SR16 URX STONER RIFLE

Come annunciatovi in “coming soon” ecco la recensione del G&P SR16 URX STONER RIFLE.

direttamente dal nostro fornitore la Web Cartoleria, sempre puntuale e attendibile come un orologio svizzero, è arrivato questo meraviglioso esemplare di ASG.

La G&P è una nota marca, contraddittoria per alcuni versi, che però sovente ci ha fatto delle belle sorprese intendo positivamente. Stavolta sembra essere una di queste! LASG arriva nella solita confezione cartonata spartana delle G&P senza troppe pretese direi, con un imballo in pluriball sia per il fucile che per il caricatore, questo lascia sempre un pò perplessi, ma quando poi , una volta spacchettato il fucile, lo si può guardare e imbracciare passa tutta la paura…

Siamo rimasti subito colpiti dalla dovizia nei particolari e nelle finiture, le bruniture e le viti, i perni, la solidità, i loghi, tutto parla di un fucile con i fiocchi.

Vi lasciamo ora con le immagini che, proprio per la scelta del taglio macro, consentono di aprezzarne le caratteristiche e in aggiunta anche una rapida e semplice customizzazione, proposta da uno dei nostiri operatori.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non c’è che dire, questo giocattolo ha una marcia in più e devo dire che una volta inserito il caricatore, visti i FPS, non conviene sparare pallini al di sotto dei 0.25g. ed è meglio procurarsi al più presto una molla da 1 j o da 0.90… il colpo comunque originale è fantastico, con un suono atutito e compatto (provato con i caricatori monofilari da 130) una favola, tiro teso e preciso, anche a 30 metri posso pensare di colpire una lattina da 33cl. a ogni tiro…raramente un fucile uscito dalla scatola ci ha dato simili soddisfazioni anche tra gli stessi G&P.

il Roof e sostenuto e a rapida ripresa il motore offre buone prestazioni anche per gli amanti del hi cicle (noi siamo più per una via di mezzo ma i gusti…si sà).

le mire abbattibili sono precisissime e si riesce ad azzerare il fucile molto bene, anche questo è risultato più preciso che in altri modelli. Come già scritto il fucile imbracciato da un senso di solidità incredibile, sia il ris che il calcio non hanno gioco, il calcio sembra un blocco unico anche sulla 5°posiz (l’ultima su questo modello).

Una cosa che potrebbe piacere ai mancini, cioè il mag relise ambidestro invece ci strugge un pò, sapendo bene che tipo di problemi comporti una volta posizionato il fucile con una sling che lo tenga  alto sul petto, c’è il rischio di far rilasciare il caricatore involontariamente( negativo…)

Hop Up molto preciso e sensibile, ma soprattutto stabile, e in questo senso di nuovo una nota positiva, la dove, i G&P ci avevano, in passato, fatto un pò penare…sarà fortuna?

Per quello che riguarda gli interni e il gear box, esistono esaurienti  recensiti su S.A.M. e su altri blog, per cui ci limitiamo a descriverne le parti esterne e il fucile nel suo funzionamento e uso.

Dopo alcune giocate dobbiamo proprio riportare un commento molto, molto positivo su questo modello, che sembra distinguersi in mezzo ad altri suoi consanguinei G&P. aspettiamo ancora qualche giocata prima di aprire il GEAR Box, quasi a non voler rompere un equilibrio stabile e perfetto, per poi magari scoprire qualcosa che non ci aspettavamo, ma per ora restiamo con il fiato sospeso.

Vi lasciamo infine con alcuni dati tecnici e un filmato anche esso muto perchè l’estetica parla da sola.

Capacità caricatore: 130
Lunghezza: 805 millimetri / 890 millimetri
Peso: 3150g
Materiale di costruzione: Metallo & ABS
Barrel Lunghezza: 14,5 ”
Velocità: 380-400 fps
Gearbox: Version 2
Motore: G & P M120 Hi-Speed
Batteria: lavora  con batteria 8,4 V o 7,2 V (non incluse)
include:
M4 URX anterior Set
SR16 URX Corpo in metallo
M16 Magazine (130rds)
Vista frontale
600 militari Flip Up Sight posteriore
Sniper Tipo di trigger Guard
Magazine catch multi
Corpo metallico M4 Sling Mount
M4A1 buttstock batteria estesa (nero)
RIS Grip (Black)
RIS  Cover (nero) x 2
T-Shape Wire Set di connettori per la ricarica
manuale

Voto finale 8.0

M4 Classic Army Sportline

Oggi recensiamo un low cost, non il solito fucilone bellissimo ma anche costoso. Questo è un fucile brutto (almeno paragonato a quelli di alta gamma), mal rifinito con plastiche scadenti, come gli altri sportline della classic completamente in abs (salvo la canna) per quanto riguarda l’esterno….flette anche un po’ tra il corpo e il ris….ma poi ci sparate…..e spara, spara meglio di tanti fucili da 400 euro esce a 0,98 costante colpo dopo colpo, l’hop up completamente in plastica funziona benissimo, la rosa a 40 m risulta stretta e nessun pallino che se ne va affanculo in giro! E ve lo portate a casa con poco più di 100 euro!eccolo qua in tutto il suo splendore!

Adesso un po’ di dettagli.

Qui sopra potete vedere la regolazione dell’hop-up, il finto bolt non rimane bloccato in posizione arretrata ma è molto solido nei suoi binari e non si inceppa!

Questa è la t-hop smontata, la  canna è in alluminio e sembra una 6,03 da come spara il fucile…

Questo è il corpo del fucile a bolt chiuso. Il copri bolt funziona e si sgancia tirando la leva di armamento…Come potete vedere le ghiere di regolazione sono mal rifinite e il metallo usato per i perni e il selettore non è proprio uno dei migliori….

       

la mira anteriore è ben fatta e ben rifinita, inoltre è molto solida

La replica arriva già corredata di spegnifiamma rosso come di legge

   E’ interessante notare come il calcio abbia 5 regolazioni differenti, cosa rara anche su repliche costose

Anche il fondo dell’impugnatura è particolare, presenta una grossa vite a taglio per la regolazione dell’altezza del motore, di solito si trovano delle brugole..forse così è un po’ più comodo

I loghi presenti sono fasulli e il bolt catch solo decorativo

  Il supporto anteriore della cinghia è robusto e ben fatto

 Le batterie sono alloggiate davanti nel corpo anteriore del fucile.I collegamenti elettrici sono curati, non usa e getta come di solito

Il fucile si smonta estraendo il perno anteriore  e facendo slittare la parte superiore del corpo del fucile.

Sotto troviamo un gear box decente, nozzle in plastica e gusci in zama scadente, pistone con denti in plastica. Niente lipo per lui….
In breve questa replica non è un vfc e si vede, ma spara altrettanto bene, costa poco, come vi ho detto poco più di 100 euro e sembra anche durare abbastanza, almeno per quello che abbiamo sperimentato noi ( fino adesso 10 game).
Un’ottima replica per chi inizia o da tenere come fucile di back-up per chi è già esperto, visto che tira benissimo ed esce a 0,98 originale!
Continuate a seguirci!

voto finale 6.5

TOP JAPAN EBB M4 ejection shell

Per gli amanti del realismo estremo e per i collezionisti ecco arrivata dal Giappone la novità.

Come preannunciato abbiamo provato L’EBB m4 della Top Japan. Questo nuovo modello di asg definite EBB ovvero electric blow back è arrivato fresco fresco dal Giappone. Si tratta di un fucile elettrico come le asg tradizionali al di fuori del fatto che questo usa bossoli precaricati di BB e li espelle proprio come un vero fucile 5.56!!!

La replica arriva nella sua custodia semirigida di tessuto imbottito e griff della TOP.

al suo interno il fucile si mostra di un bel nero brunito in tutte le sue parti senza troppi salti di colore tra i materiali.si può notare subito il bolt completamente arretrato che espone lo spazio vuoto destinato all’incameramento delle shell.

La replica si presenta solida e ben rifinita, interamente in metallo, salvo le solite parti in abs dell’ impugnatura dei gusci e del calcio.

non sono presenti sul EBB i loghi, mentre sono state riportate le classiche scritte dei selettori e la scritta TOP Japan

la parte destra è veramente molto accattivante con il bolt che fa sembrare la replica molto simile a quella vera sopratutto quando arretra.

Il calcio ha le 6 posizioni numerate

qundo finiscono i colpi ovviamente il bolt catch rimane alzato.

come si può notare i dettagli, le bruniture e le finiture sono molto buoni

sappiamo che questa replica ha una novità è la novità oltre al sistema di scarrellamento del cilindro e pistone è sicuramente l’utilizzo dei bossoli  (shells)

il caricatore è interamente in metallo a parte lo “spingi bossoli” interno in plastica.

anche le shells sono in plastica.

La replica si smonta nei suoi componenti fondamentali in un nano secondo grazie all’ausilio di una sola brugola e alla estrazione di due semplici pin.

nel tubo metallico del calcio l’alloggiamento per la batteria lipo (consigliata per far lavorare bene l’intero meccanismo) il calcio comunque è il classico crane.

Ma arriviamo alla parte più curiosa è innovativa che è il gear box. Non abbiamo smontato l’intero gear box su richiesta, ma si può notare che il cilindro è praticamente lo stesso bolt che arretra e quindi all’intero del fucile esiste un sistema, capace di rendere indipendente la molla che spinge il bolt/cilindro/spingipallino verso l’incameramento del bossolo e una che spingerà il pistone durante il colpo. infatti una delle caratteristiche più interessanti di questo fucile, è il fatto che il pistone viene a essere liberato direttamente quando si preme il grilletto dando la sensazione netta di sparare un proiettile come nelle repliche GBB, visto il tempo ZERO tra grilletto tirato e partenza del pistone, il quale infatti non deve essere caricato all’indietro prima dello sparo.

Questo attribuisce un feeling diverso durante i tiri, soprattutto se si efettua dei tiri dinamici. la risposta è immediata.

un particolare del bolt arretrato

La carica del bolt avviene attraverso la maniglia che si innesta in un dentino posto dul dorso superiore del gear box

Mentre l’arretramnto elettrico avviene tramite denti in metallo posti sotto il bolt/cilindro/spingipallino esattamente come su di un pistone tradizionale, ergo, il “cilindro” del TOP  ha i denti, il pistone no e quest’ultimo viene caricato dal cilindro stesso, per rimanere arretrato come avviene per l’ hammer in un m4 vero…ingengoso. Chissà se questa idea non verrà sfruttata in larga scala anche senza shell come avviene per i GBB? Per il Top infatti esiste anche un adattatore che permette di utilizzare questo sistema con caricatori  senza le shell.

l’hop up si regola rimuovendo il guscio inferiore della canna.

la regolazione dell’ hop up è molto accurata.

Infine i BB si inseriscono all’interno delle shell (bossoli), dal retro, incastonandoli su tre guide.

Le prove sul campo hanno dimostrato che il fucile spara molto accuratamente.

Le nostre conclusioni sono che siamo di fronte ad un elemento di innovazione per quello che riguarda il sistema gear box e che darà sicuramente degli spunti alle case, che producono sempre di più in funzione di una riproduzione fedele delle armi vere. L’uso delle shell (bossoli), può dare degli ottimi spunti per ricostruzioni, simulazioni, allenamenti di tiro dinamico e di fast reload o reazione ai jam (inceppamenti dai quali, come i fucili veri, anche questo Top non è immune), che ricreano sicuramente un pelo in più l’atmosfera un pò più complessa che si incontra ad utilizzare armi autentiche. Difficile vedere un’applicazione delle shell in giocate tra i boschi……..ma i collezionisti saranno entusiasti.

Voto finale 7.0

ecco il linck dove comprarlo in ITALIA

Colt rail concept blow back co2 Cybergun

Finalmente abbiamo ricevuto forse la miglior pistola a co2 a disposizione sul mercato, tanto da essere equiparata alla Dan Wesson 8(se non l’avete mai vista cercatela su google)!!!!

Eccola! la colt rail concept! Consigliata dal forum di tiro dinamico per la sua precisione e per la sua eccezionale resistenza alle alte pressioni.

La portate a casa in questa modesta scatola, cui trovate la pistola con il caricatore,

il tubo caricapallini, che non merita di essere mostrato (compratevi un caricapallini che è meglio), una scatolina con qualche pallino di qualità scadente e due chiavi a brugola, una per la regolazione della pressione grilletto

l’altra per montare la bomboletta del co2 nel caricatore.

E’ una pistola molto grande, ed’è discretamente pesante essendo full metal, in compenso ha il rail per la torcia o laser che sia

come la sua sorella più piccola, la colt 1911, ha il blocco sicurezza grilletto sull’ impugnatura, molto sensibile basta una leggera pressione e non c’è da farsi venire le formiche alla mano a forza di schiacciare.

Si smonta estraendo il blocco del carrello, poi si fa scivolare lo stesso in avanti fino a sfilarlo. L’operazione è molto semplice e ben spiegata sul libretto di istruzioni.

all’interno del carrello troviamo la regolazione dello spin-hup. Per intenderci è qella rotellina grigia dentata che vedete sotto la canna. Io dopo diverse prove ho deciso di lasciarlo tra zero e il primo quarto, dipende se usate pallini da 5,95 o da 6 mm. Consiglio di utilizzare buone grammature, da 0,25 in su, se no volano. La canna è cromata e a fine colpi spunta dal carrello “che è una bellezza”. Il mirino è particolare, sembra già costruito per il tiro dinamico

Come potete vedere , le tacche di mira sono in materiale luminescente in modo da aiutare la mira al volo

Il mirino posteriore è regolabile sia in altezza che in laterale, mentre quello anteriore stupite stupite, in laterale, sempre con la solita brugolina del grilletto.

La canna è flottante, ma il tiro precisissimo. Ho provato diverse pistole a co2, ma tutte dopo un po’ di colpi, anche con hop hup a zero sparavano  molto verso l’alto, questa mantiene un tiro preciso sempre! Ha un uscita di canna di 105 m/s e spara una quarantina di metri abbondanti.

Non sparate in casa perchè ha un rumore veramente violento.

Il caricatore è ben fatto contiene 30 colpi e la bomboletta a co2 si infila da sotto;in media fa due caricatori per bomboletta. Il tappo del caricatore ha sia la chiave a brugola che il cacciavite, in modo da rendere più comoda la sostituzione. Lo spillo di foratura della bombola è fatto bene e lascia un buco netto e profondo senza sbavature.

In conclusione è una pistola pesante e grossa, che scalcia come un mulo, molto più della desert a co2 per intenderci, ma che spara come un fucile, anzi meglio, ho visto pochi fucili sparare così bene in modo così costante, forse solo l’m4 sistema,che ho provato lo stesso giorno (col cilindro da novanta ovviamente) e non esagero, vedrete adesso che posto il video…..noi l’abbiamo adottata per il tiro dinamico, non amando quelle a tamburo.

William della cartoleria ha per il momento il miglior prezzo del web in italia

http://negozio.la-cartoleria.it/product_info.php?cPath=22_32_63&products_id=624

se trovate di meglio segnalatecelo!

Voto finale 7.5

G-39 WE gasblowback open-bolt

Abbiamo finalmente avuto la fortuna di provare il G-39 gbb
della WE,replica softair del fucile d’assalto della H&K come sempre fornitoci da LaWebcartoleria.


Prima un po’ di storia: Nella seconda metà degli anni ’70 la
Germania iniziò i lavori per la sostituzione del fucile d’assalto
standard in dotazione all’esercito tedesco (Bundeswehr): il
famigerato G3 della tedesca Heckler & Koch. Una joint
venture di ditte tedesche, facenti capo alla Heckler & Koch
progettò un fucile denominato G11, con
munizionamento 4.73. A seguito della pesante crisi economica che
seguì alla riunificazione delle due Germanie, avvenuta il 3 ottobre
1990, il Governo tedesco fu costretto ad operare pesanti tagli
sulla spesa militare e pose fine al piano di rimpiazzo del G3. La
compagnia tedesca Heckler & Koch si ritrovò a far fronte a
gravissime perdite in quanto i paesi della NATO avevano
sottoscritto accordi per un munizionamento comune: il 5.56, sicché
al fucile appena sviluppato venivano preferiti i più obsoleti HK33
e G41. Fu così che nel 1991 H&K fu acquisita dalla British
Aerospace (Royal Ordnance Division), oggi conosciuta come BAE
Systems. All’inizio degli anni 90 la Heckler & Koch iniziò
quindi un progetto per la costruzione di un nuovo fucile d’assalto
che rispondesse a due requisiti: affidabilità, leggerezza e
munizionamento 5.56 che diede origine al cosiddetto “Project 50” o
“HK50”. Nel 1995 l’esercito tedesco ufficializzò il passaggio dal
g3 al HK50, formalizzando l’ordine di 33.000 fucili (a seguito
delle specifiche dettate rinominati in Gewehr 36), che vennero
consegnati nell’ultimo trimestre del 1997. Nel 1998 il G36 venne
ufficialmente adottato come fucile di ordinanza anche dall’esercito
spagnolo, a cui i primi esemplari furono consegnati alla fine del
1999. La WE questa volta ha fatto proprio un bel lavoro, la replica
è veramente fedele all’originale che è in polimeri rinforzati,
molto simili all’ABS del G-39. Come sempre vi arriva a casa
nell’anonima scatola di cartone della WE, questa volta almeno
compare un adesivo sul lato con la scritta G-39…sempre meglio di
niente.Dentro trovate: il fucile, le istruzioni, il caricatore
monofilare da 30 colpi, l’astina carica pallini e un triste
imballaggio di cartone…la WE è così. In compenso il fucile è una
sorpresa. Esternamente è completamente in ABS salvo la canna,
sembra finto quanto quello vero.

Il calcio è pieghevole esattamente
come quello del pdw(vedi recensione pdw),

l’unico problema è che il dente che lo blocca in posizione flessa non è un pezzo unico con la
scocca del fucile, ma è pressofuso, ciò comporta che con
l’utilizzo, a forza di sollecitazioni, il dente tende a scollarsi e
voi non potrete bloccare più il calcio in posizione flessa….

A parte questa magagna che però presentano tutti i g-39 gbb o aeg che
siano, per il resto esteticamente è veramente bello, pesa poco,
l’imbraccio è comodo e la sensazione tattile con l’abs è
piacevole.Rispetto all’M4 il bolt si apre mediante una leva posta
sopra il corpo del fucile sotto la slitta del mirino, non è proprio
comodissima e manca il blocco per tenere il bolt aperto, che si
blocca solo a fine colpi con il caricatore inserito. Questa è
l’altra pecca di questo fucile, anche perchè la regolazione
dell’hop up si trova proprio sotto la leva,per regolarlo bisogna
tenere la leva aperta e l’unico modo è usare il caricatore scarico.
Peró L’hop up è stabile e va riregolato raramente, il vano per
raggiungerlo è un pó stretto, ma è sicuramente il più ampio tra i
modelli WE. Per quanto riguarda lo smontaggio di questo GBB sono
rimasto stupito: sul corpo del fucile ci sono tre pin, tolti
questi, il fucile si smonta completamente.Inoltre sul calcio vi sono quattro buchi dove incastrarli se lo smontate in azione.

In due minuti vi trovate il vostro g-39 in 6 pezzi:

ris,

bolt

blocco grilletto

molla di ritorno del bolt

blocco caricatore e corpo fucile.

Questo permette di raggiungere i punti vitali del fucile senza dover utilizzare un cacciavite e questa è

la vera forza di questo fucile! Per quanto riguarda il selettore
singolo raffica, i vari scatti sono disegnati come in quello reale
e come sull’mp5,

personalmente preferisco quelli incisi, ma è un
mio parere. In compenso gli scatti sono precisi e netti, difficile
spostare il selettore involontariamente. Il mirino si trova sulla
slitta superiore. Quello posteriore, metà in ABS metà
in metallo, sembra molto stabile, quello anteriore è fisso e questo
impedisce di montare un’ottica lunga senza smontare il mirino.
Quando smonti quello davanti se ne va anche un pezzo di slitta, con
un effetto poco estetico, ma anche qui, niente cacciaviti, solo dei
pin! Adesso passiamo alla pratica! Spara benissimo!! Noi lo abbiamo
provato a 6 gradi centigradi…e oltretutto ci mette un bel pó a
congelarsi se non vivete di raffiche! Con il gas diablo, dopo
averlo lasciato a temperatura per un’oretta, il primo colpo esce a
1,24 joule, per poi assestarsi a 1,18/1,15. Il riff si aggira
intorno a 734/737 anche se a 6 gradi dopo tre quattro raffiche
consistenti si congela e spruzza. Niente paura, se ripassate al
singolo, ricomincia a sparare come un orologio! Credo sia un
vantaggio dell’abs che isola meglio e non scende sotto determinate
temperature. L’hop up come vi dicevo è stabile e funziona bene, il
tiro è molto teso e montando un’ottica 4x si ammazzano le pulci a
30 m. Il rinculo è notevole, anche perchè il fondo corsa del bolt è
un grosso gommino, senza molle o altro, simile al metodo usato per
il pdw WE.

Comunque tanto consistente da influenzare la mira,
quindi mirate più basso! Insomma un buon fucile, che spara bene e
costa poco.

La WE ci sta proprio sorprendendo! Chissà che tra poco

non ci regali anche l’m4 open bolt? Alla
prossima recensione! Auguri a tutti S.A.T.&gaming!

 

Voto finale 7.5

PDW open-bolt della WE

Anche la WE si sta proponendo sul mercato con una nuova serie di modelli che presentano un nuovo sistema di funzionamento rispetto ai precedenti, sostituendo il vecchio otturatore fisso in ottone, con uno che arretra completamente e lascia aperto e libero lo spazio dell’incameramento del colpo. In fondo stanno facendo ciò che altre case avevano già fatto, ma con i loro tempi e con risultati egregi dobbiamo ammetterlo.

Ambiente

temperatura: 8 gradi centigradi

umidità: 80%

altitudine: 640m

Attrezzature

fucile: PDW open bolt gbb della WE fornito da La Web Cartoleria

link: http://negozio.la-cartoleria.it/

munizioni: 6mm o,24 g(bio)

propellente: green gas

joulometro: Bigdragon-e9800-lcd

Il fucile si presenta compattissimo, l’impugnatura è comoda, il calcio è solido e molto ben rifinito, lo scatto dello sgancio per  piegarlo è sordo e trasmette una sensazione di grande solidità, interessante la possibilità di spostare lo sling della tracolla, dal fondo del calcio al corpo del fucile. La prima impressione è quella di imbracciare un’arma vera.

Completamente in metallo, l’uso dei materiali presenta giochi di tonalità molto gradevoli, il ris è  fedele a quello reale e molto ben rifinito (abbiamo montato un mirino eotec G&P con agganci rapidi senza avere alcun gioco). Anche i due mirini a compasso forniti con il fucile sembrano di ottima fattura e quando li si estrae producono un bel “click” e si assestano in maniera stabile, indice di cura e precisione nelle rifiniture del fucile. Il selettore singolo/raffica non presenta giochi e rimane ben saldo nella posizione selezionata. Fornito di due caricatori, è identico all’originale (la WE in questo è una delle migliori) salvo i loghi, che la casa madre non fornisce. Il caricatore monofilare da 30 colpi è molto compatto, ben fatto e leggero. Peccato che ancora non esistano le versioni a co2.

Il rumore dell’open bolt è sordo e violento, il rinculo notevole (viste le dimensioni del fucile), la raffica secca. Il tiro è teso e a parte i primi colpi che sono stati leggermente sopra il joule,  gli altri si sono assestati sotto, ma dalla traiettoria sembrava uscissero a 1,5.Interessante la resa a temperature così basse utilizzando green gas.Non possiamo prevedere la resa a temperature maggiori ma aggiorneremo a breve l’articolo.

L’hop-up funziona bene, la regolazione della ghiera è minima, con un escursione di soli 90 gradi. Situato all’interno del bolt è regolabile senza smontare il fucile, ma difficile da raggiungere se non si hanno dita piccole. Sembra stabile anche se non lo possiamo garantire avendo sparato 4 caricatori,

Manterremo tese le orecchie e a breve, vi forniremo una recensione dei nuovi M4 CQB sempre della WE. Vedremo come va avanti la resistenza delle meccaniche del PDW effettueremo delle prove di tiro e vi terremo aggiornati delle novità. Alle prossime prove di fuoco, ringraziamo ancora La Web Cartoleria che ci ha permesso e ci permette di provare i fucili e aspettiamo le vostre domande e commenti!